Convegno Nazionale Scientifico AIDEE 2017 “Neuroscienze, Neurosviluppo e Disprassia”

Anche quest’anno il 19-20 novembre si terrà a Roma il Convegno Nazionale dell’Associazione Italiana Disprassia Età Evolutiva (AIDEE) che affronterà le nuove prospettive e ricerche nel campo del neurosviluppo, in particolare la correlazione tra neuroscienze e disprassia (qui la locandina).

Ma cos’è la Disprassia? Viene attualmente inserita nella definizione del Disturbo di Coordinazione Motoria (DCD – DSMV) o nel Disturbo Evolutivo Specifico della Funzione Motoria (ICD-10 – OMS), è caratterizzata da prestazioni in compiti di coordinazione motoria, fini o grosso-motori, significativamente al di sotto del livello atteso in base all’età e allo sviluppo intellettivo. E’ riconosciuta quale un disturbo congenito, o precocemente acquisito, che pur non alterando nella sua globalità lo sviluppo del bambino comporta serie difficoltà nella gestione delle Attività della Vita Quotidiana quali vestirsi, allacciarsi le scarpe, andare in bicicletta, ritagliare, nell’orientamento spazio-temporale o difficoltà nella produzione verbale, disturbi del linguaggio e in alcuni casi assenza di linguaggio. La compromissione può infatti riguardare vari ambiti dello sviluppo, dalla coordinazione grosso-motoria alle difficoltà più specifiche nella articolazione a livello dell’apparato fonatorio (per la produzione del linguaggio) nei movimenti fini delle mani (necessari per la scrittura), nei movimenti oculari (fortemente implicati nella lettura) o presentarsi come una difficoltà generalizzata che si osserva in tutti i compiti motori.

Rappresenta dunque una alterazione nella capacità di programmare ed eseguire atti motori finalizzati ad uno scopo dove risulta deficitaria la capacità di rappresentazione e pianificazione che può avere ripercussioni non solo nelle abilità motorie ma anche nell’ambito cognitivo e nei processi di controllo. Infatti le difficoltà motorio-prassiche hanno spesso una ricaduta nelle abilità di apprendimento scolastico determinando anche Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA), in particolare Disgrafia, Dislessia, difficoltà in ambito matematico, geometrico e nella risoluzione di problemi.

La dott.ssa Letizia Sabbadini, Presidente AIDEE, neuropsicologa e psicoterapeuta presenterà un approccio integrato e multisistemico sia negli strumenti di valutazione che nell’intervento. Verranno trattati  da esperti relatori  temi relativi sia all’ambito delle neuroscienze, del neurosviluppo oltre alla correlazione tra disturbi del linguaggio e disturbo della coordinazione motoria.

Il convegno è aperto a professionisti, neuropsichiatri, psicologi, logopedisti, neuropsicomotricisti, educatori professionali e genitori che intendono approfondire la metodologia messa a punto negli anni dalla Dott.ssa Sabbadini. Le iscrizioni potranno essere effettuate seguendo le istruzioni riportate nella seguente scheda (qui).

Comments are closed.